05 FEB 2019

Consigli per la sicurezza informatica: 10 modi per proteggersi online

Online ricerchiamo informazioni, ascoltiamo musica, guardiamo film, facciamo shopping. Continuamente inseriamo il nostro nome, cognome, informazioni personali, numero della carta di credito e se non stiamo attenti, tutti questi nostri dati potrebbero esserci rubati con conseguenze molto gravi. Navigando online è essenziale proteggersi, vediamo, quindi, dei consigli per la sicurezza informatica!

 

Siti sicuri con protocollo HTTPS:

Quando navigate, fate mai caso al protocollo del sito web sul quale siete? Esistono 2 protocolli:

  • HTTP: l’”HyperText Transport Protocol” è un protocollo che consente di trasmettere informazioni fra i server Web e i loro clienti;
  • HTTPS: l’”HyperText Transfer Protocol Secure” è un protocollo che trasmette le informazioni nel web in maniera sicura.

E’ importante che il sito web trasferisca informazioni attraverso il protocollo https, così nessuno può vedere i dati che inserite nella pagina web; il protocollo http, invece, non vi dà la stessa garanzia. Per riconoscere un sito sicuro basta fare attenzione alla presenza del protocollo https identificato anche da un’icona a lucchetto nella barra degli indirizzi del browser. Quindi, soprattutto prima di inserire dati sensibili e della carta di credito, controllate sempre di essere su un sito sicuro!

Consigli per la sicurezza informatica: come riconoscere un sito sicuro

 

Come scegliere una password sicura ed efficace

Vediamo qualche consiglio per scegliere una password sicura:

  1. scegliere password lunghe, composte da parole inventate, che alternino maiuscole a minuscole e presentino numeri e caratteri speciali;
  2. scegliere password diverse per ogni piattaforma a cui ci si registra. Registrandoci a molte piattaforme, e col terrore di dimenticarsi la password scelta in fase di registrazione, la tentazione di usare sempre la stessa credenziale è alta. Nulla di più sbagliato! Infatti, così facendo, permettiamo a chi ha scoperto e rubato la nostra password, di avere accesso a tutti i nostri account dato che ormai conosce la nostra unica credenziale;
  3. la password non deve essere il nostro nome o la nostra data di nascita o nome e data di nascita di persone a noi care. Come potete vedere anche nei film, questi sono i primi tentativi che vengono fatti quando si cerca di scoprire la password di qualcuno!
  4. cambiare regolarmente la password; esistono delle piattaforme che periodicamente vi obbligano a cambiarla;
  5. non scrivere la password su post-it e fogliettini;
  6. non dare in giro la propria password;
  7. usare un servizio di password manager. I password manager sono delle applicazioni che salvano tutte le nostre credenziali nell’archivio del nostro computer o in un server cloud e quando dobbiamo fare il login in un sito, i password manager compilano per noi automaticamente i campi del nome utente e della password. Così facendo non dovremo ricordare decine di password, ma soltanto quella del password manager. Un altro vantaggio di queste applicazioni è il fatto che possono generare per noi password complesse da usare nei vari siti.

I pericoli dei social network

I social ci hanno abituato a condividere in ogni momento ciò che pensiamo e facciamo. E’ frequente che gli utenti abusino di questo strumento prettamente ludico. Ecco alcuni consigli per evitare i pericoli dei social network:

  • non scrivete il vostro numero di telefono online, né dati sensibili come anno di nascita, residenza, o indirizzo e-mail. Non sapete cosa possa esser fatto con questi;
  • attenti alle foto che pubblicate, in particolare se queste ritraggono minori: potrebbero essere riutilizzate in contesti non appropriati;
  • se siete in vacanza, evitate di scriverlo: non sono rari i casi in cui i ladri entrano nelle case sapendo dell’assenza dei proprietari.

 

Password del router

Per la scelta della password del router valgono le stesse regole della scelta delle password per piattaforme e dispositivi, anche quella di cambiarla regolarmente!

 

Backup

Fare backup regolarmente è una delle migliori armi per ridurre la probabilità di perdere i propri dati personali. Purtroppo, però, sono molti gli utenti che sottovalutano questa pratica.

 

I pericoli delle connessioni pubbliche

A tutti sarà capitato almeno una volta di utilizzare delle reti Wi-Fi pubbliche, in questi casi bisogna fare molta attenzione ai siti che si visitano perché il rischio è che condividendo la navigazione con altri utenti, le nostre attività online potrebbero essere spiate. Quindi va bene cercare un’informazione rapida, leggere un articolo di un blog per divertimento, ma è bene evitare di fare acquisti online e di accedere ai nostri social network o al sito della nostra banca.

 

Attenzione ad allegati e link

Sarà capitato a tutti di ricevere almeno una volta delle e-mail dubbiose contenenti degli allegati. Mai scaricare allegati o cliccare sui link se non siamo sicuri del mittente! Questo vale tanto per le e-mail, quanto per social network e siti web. Inoltre, bisogna fare attenzione anche agli allegati che ci sembra arrivino da nostri amici o famigliari, ma hanno qualcosa che ci appare dubbioso: infatti il nostro conoscente potrebbe essere stato infettato da un virus ed interagendo con la sua e-mail, potrebbe accadere la stessa cosa al nostro dispositivo.

Se il documento che scarichiamo, inoltre, è un documento word e la suite office di Microsoft chiede di abilitare le macro, è bene non farlo. Spesso, infatti, ai documenti word vengono allegati dei malware ed abilitando le macro, diamo il via libera al virus contenuto.

 

Attenzione alle e-mail: il rischio phishing

Il phishing è una truffa, spesso perpetrata attraverso e-mail, con la quale un hacker cerca di ingannare l’utente convincendolo a fornire i propri dati personali, finanziari o password. Spesso l’hacker, nell’e-mail, si finge un ente pubblico o privato o la nostra banca. Per riconoscere un’e-mail di phishing, bisogna fare attenzione alla presenza di errori di punteggiatura o battitura, parole scritte in maiuscolo e punti esclamativi inseriti casualmente nel testo. Il tono, inoltre, è impersonale e si rivolge all’utente in maniera generica, attraverso espressioni come “gentile cliente” ed il testo che segue non ha molto senso. E’ bene, quindi, non cliccare su link, scaricare allegati o rispondere a queste e-mail perché, appunto, sono truffe!

 

Attivare la verifica in 2 passaggi

Se possibile, è bene attivare sulle varie piattaforme la verifica a 2 passaggi. Attraverso questo sistema, per accedere al servizio, prima si inserisce la propria password e poi un codice istantaneo che viene inviato via SMS al dispositivo dell’utente. E’ un metodo più lungo rispetto a quello di inserire soltanto la password, ma comunque abbastanza veloce e, soprattutto, molto più sicuro anche perché se qualcuno sapesse la nostra password e stesse provando ad usufruire di qualche servizio, riceveremmo un messaggio (senza averlo chiesto) col codice e capiremmo che qualcosa non va.

 

Diffidare da minacce e dagli avvisi di scadenza imminente

Se doveste ricevere e-mail o avvisi online che vi sembrano inviati dalla vostra banca o da siti web collegati ad enti pubblici e privati che vi invitano, per esempio, a versare del denaro su un conto altrimenti riceverete una multa o vi verrà bloccato il vostro account, ignoratele! Avvisi ed e-mail di questo tipo, infatti, potrebbero essere pratiche di phishing ed in realtà a scrivervi è un hacker che vuole ottenere vostre informazioni.

 

Ci auguriamo che foste già a conoscenza di questi 10 consigli per la sicurezza informatica, ma nel caso così non fosse, iniziate subito a seguirli per proteggere voi stessi ed i vostri dati dalle tante minacce informatiche che si possono incontrare online. E continuate a seguirci perché vi presenteremo altri di questi articoli!

Redatto da Lucia D’Adamo, in collaborazione con Pasquale Turi

Ultime News